Attività col Cavallo

Le attività col cavallo sono numerose.

Ci sono esercizi di psicomotricità e quelli relativi al miglioramento del linguaggio che vengono fatti a cavallo ed esercizi che riguardano la conduzione del cavallo -dette figure di maneggio- che vengono fatte col cavallo.

Ci sono poi esercizi che vengono fatti in campo ed esercizi che si svolgono in scuderia.

Gli esercizi di psicomotricità servono in generale per migliorare l’equilibrio, la tonicità dei muscoli specie quelli addominali, lombari e degli arti inferiori, per affinare la motricità fine e per rinforzare la tonicità dei muscoli delle braccia.

 

Gli esercizi di linguaggio servono per rinforzare il patrimonio fonetico già conosciuto e per permettere l’acquisizione di nuove parole legate al contesto maneggio-cavallo.

Le figure di maneggio sono esercizi che vengono fatti attraverso la conduzione autonoma del cavallo per stimolare la memoria, la comunicazione verbale e non verbale, migliorare l’abilità visuo-motoria e potenziare quella visuo-spaziale.

Gli esercizi in campo servono sempre per migliorare l’equilibrio, la deambulazione e la motricità grossolana attraverso l’attraversamento di barriere ed altri ostacoli posti a terra.

Infine, gli esercizi svolti in scuderia servono soprattutto nella fase dell’avvicinamento con il cavallo attraverso la pulizia del pelo, criniera, coda e zoccoli con gli appositi strumenti.

Questa è una fase importante e delicata durante la quale c’è la scoperta del cavallo come essere vivo che trasmette emozioni.

Ogni esercizio è specifico, in baso al caso, ed ha una propria utilità.

Non esistono dunque esercizi uguali per tutti, poiché i fattori da valutare dell’utente che abbiamo in carico, sono molteplici:

– disturbo;

– età;

– stato di salute;

– altri fattori da analizzare di volta in volta.

Teniamoci in contatto…